Calcolo fair value derivati

Durante la stesura del bilancio, la professionalità e la serietà offerta dallo staff di Managers and Partners, diviene un servizio importantissimo per ottenere una giusta e corretta visione della situazione aziendale e il Calcolo fair value derivati. Proprio per questa ragione, la determinazione del fair value è un passaggio importante, che deve essere effettuato da soggetti competenti.

L’attribuzione del giusto valore di uno strumento finanziario è indispensabile per far sì che la fotografia fornita dai dati di bilancio sia il più fedele possibile alla realtà della propria azienda o società.

Calcolo fair value derivati

Calcolo fair value dei prodotti derivati

Analizzando nello specifico il calcolo fair value derivati, bisogna valutare prima di tutto se si è in presenza di un mercato attivo. Infatti, in questo caso, la misurazione del fair value dei derivati OTC, viene effettuata attraverso dati di input relativi al pricing, ossia al valore sul mercato. Così, nel caso di fondi quotati, il fair value è ricavato dalla quotazione fornita dal mercato ed è pari al prezzo di riferimento.

Si tratta del cosiddetto trade price di Bloomberg.
Per quanto riguarda i derivati quotati su mercato attivo come futures o opzioni, il valore identificativo come fair value è il prezzo di chiusura fornito dalle strutture proposte alla gestione del mercato.
Il fair value degli strumenti derivati over-the-counter, definiti in breve OTC, è determinato attraverso l’utilizzo di modelli di misurazione specifici per tipologia di strumento, e attraverso la definizione di alcuni parametri di mercato, come previsto dalla normativa Emir.

I modelli finanziari utilizzati per la valutazione degli strumenti derivati OTC, sia stand alone che incorporati in altri strumenti finanziari, possono essere suddivisi per classe di strumento. Così facendo, ad ogni modello di pricing sarà possibile associare il prodotto oggetto di valutazione, in base alla macro famiglia alla quale lo strumento appartiene.
Si citano come esempio di modelli utilizzati il modello di Black Scholes e il modello Skew Model. Il primo utilizza la formula di Black e Scholes; essa è l’espressione per il prezzo di non arbitraggio di un opzione call di tipo europeo, ottenuta sulla base del modello di Black Merton Schole.

Il secondo, invece, quello dello Skew Model, i dati vengono utilizzati per la valutazione delle opzioni forex con barriera, e delle opzioni Touch Rebate. La modalità con cui vengono presi in considerazioni i dati è l’elemento determinante di questo secondo modello.
Queste, e altre formule, sono usate a seconda dello strumento finanziario da analizzare. Esse vengono gestite da applicativi e software tali, da poter applicare i modelli ai prodotti finanziari oggetto di valutazione.

Nel caso, invece, in cui sia necessario fare una misurazione del fair value in assenza del mercato attivo, esso viene misurato facendo riferimento ad alcune linee guida. Infatti, i titoli di debito non quotati su mercati regolamentati, quelli per cui non è stato e di identificato un altro mercato attivo sono valutati seguendo altri parametri come ad esempio il prezzo Bloomberg Generic Price, il prezzo di offerta per i titoli o, ancora, modelli di valutazione creati ad hoc.

Vedi anche i nostri modelli di valutazione IAS.