Fondi e casse sanitarie

Negli ultimi anni i Fondi e le Casse sanitarie operanti in Italia hanno dovuto affrontare il tema della sostenibilità finanziaria a causa del costante aumento dei costi della sanità pubblica ben al di sopra del livello inflattivo, delle continue modificazioni della popolazione degli iscritti e dell’invecchiamento della popolazione.

Emerge sempre più la necessità per Fondi o Casse di dotarsi di strumenti adeguati per fronteggiare questi rischi quantificando le esposizioni e individuando i punti critici del proprio modello di gestione ma soprattutto pesare opportunamente le relative azioni correttive al fine di garantire la sostenibilità finanziaria futura. Lo strumento principale che consente di gestire correttamente questi rischi mantenendo sotto controllo l’equilibrio economico-finanziario di tali fondi è il Bilancio Tecnico Attuariale.

Tale strumento oltre a prevedere le entrate, le uscite e l’evoluzione del patrimonio del fondo oggetto di valutazione permette di:

  • Stimare con un buon grado di attendibilità gli impatti di eventuali modifiche normative in termini di entrate/uscite al fine di trovare la soluzione ottimale in un logica di medio-lungo termine;
  • Studiare eventuali forme di gradualità nell’ adozione di nuove norme;
  • Valutare l’impatto di modifiche al tariffario per singole voci di prestazioni;
  • Stimare gli impatti di diversi investimenti finanziari.

In aggiunta, con l’emanazione del DM del 27 ottobre 2009 è stata istituita presso il Ministero della Salute l’anagrafe dei fondi sanitari al fine di effettuare un censimento ed un controllo delle forme integrative al SSN esistenti in Italia. L’iscrizione all’anagrafe, e i successivi rinnovi, costituiscono condizione necessaria per il riconoscimento della deducibilità fiscale dei contributi versati a parte degli iscritti a tali fondi.

Per il riconoscimento di tale beneficio sarà inoltre necessario che almeno il 20% del totale delle risorse destinate alla copertura delle prestazioni a favore degli iscritti sia “vincolato”per l’erogazione di assistenza odontoiatrica, di assistenza socio-sanitaria rivolta a soggetti non autosufficienti e di prestazioni finalizzate al recupero della salute di soggetti temporaneamente inabilitati da malattia o infortunio.

Al fine di poter accedere al regime fiscale agevolato, i fondi o casse istituiti ai sensi dell’art. 51 TUIR devono trasmettere all’Anagrafe dei fondi sanitari entro il 31 luglio di ciascun anno la certificazione, a firma del legale rappresentante, che attesti il rispetto della soglia delle risorse vincolate.

In merito a ciò si rende opportuno l’intervento di una parte indipendente che verifichi e validi il requisito richiesto. Occorre precisare che in questo contesto alcune poste previste dal decreto hanno caratteristiche tecniche tipicamente attuariali (riserva premi, riserva sinistri, riserva di perequazione, riserva di senescenza, etc).

In merito a quanto detto, Managers & Partners mette a disposizione delle aziende il proprio know-how e il supporto professionale nelle valutazioni attuariali periodiche rilasciando le relative certificazioni e relazioni attuariali previste.