IFRS Leasing

Come cambia la contabilizzazione del leasing con il nuovo IFRS

Dopo trent’anni, un nuovo IFRS cambia la contabilizzazione del leasing. Vediamo, quindi, in che modo ciò avviene e secondo quali criteri.

Lo IASB (International Accounting Standards Board) ha pubblicato l’IFRS 16, un nuovo principio contabile che va a sostituire i requisiti che, dopo tre decenni, non sono più ritenuti validi. Nel principio di nuova emanazione, inoltre, è anche presente una revisione della contabilizzazione del leasing in bilancio.

IFRS 16: cosa cambia per la contabilizzazione del leasing

Al momento, il nuovo IFRS 16 non è ancora valido: lo sarà a partire dal 1 Gennaio 2019. Tuttavia, ne è consentita l’applicazione anticipata per quelle aziende che applicano l’IFRS 15.

Veniamo al dunque: cosa cambia? Come detto, questo nuovo principio contabile va ad agire sulla contabilizzazione in bilancio del leasing. Del resto, dopo 30 anni, se ne sentiva l’esigenza. Lo IASB ha sottolineato il valore del leasing, fonte di finanziamento che molte aziende adottano poiché flessibile. Tuttavia, si richiede un cambio di quello che è il vecchio principio di rilevazione contabile per il contratto di locazione Accounting Standard. Si sottolinea, infatti, che questo rende molto poco chiara la situazione in merito ad attività e passività legate alle locazioni di una società, soprattutto nel caso in cui queste operino nel settore trasporti, vendita al dettaglio e compagnie aeree.

Cosa è emerso da uno studio? Che molto spesso, parte dei contratti di locazione finanziaria di aziende quotate non appaiono nei bilanci delle stesse e questo perché, sino a questo momento, questi contratti di affitto sono stati considerati come contratti di leasing operativo o contratti finanziari. Solo questi ultimi sono stati riportati nei bilanci, mentre i primi appaiono solo nelle note. Ecco perché si è sentita l’esigenza di mettere in campo l’IFRS 16 che va a risolvere la situazione e fa sì che tutti i contratti di locazione vengano indicati in bilancio, come attività e passività. Un passo avanti, quindi, che va a cambiare in maniera sostanziale una situazione che, fino a questo momento, è stata molto poco chiara.

Come detto, l’IFRS 16 sarà in vigore a partire dal 1 Gennaio 2019 e, pertanto, ci vorrà ancora un po’ prima di vederlo all’opera e per notare i cambiamenti che verranno apportati.